DiscoverStoria d'Italia
Storia d'Italia

Storia d'Italia

Author: Italiastoria

Subscribed: 517Played: 8,092
Share

Description

Podcast che ripercorre la lunga e complessa storia italiana, da Costantino fino ai nostri giorni, passando per il tardo impero, la tarda antichità, l'alto medioevo, l'Italia dei comuni e delle signorie, il rinascimento, i secoli delle dominazioni spagnola e austriaca fino al risorgimento e l'Italia moderna e contemporanea
30 Episodes
Reverse
Virgilio, nel libro IV dell’Eneide, narra la struggente storia di Didone, la mitica regina che avrebbe fondato Cartagine. Nel poema Didone incontra Enea nelle sue peregrinazioni nel mediterraneo e se ne innamora follemente, sognando l’unione di Punici e Troiani. Quando però gli Dei ordinano ad Enea di riprendere il mare, per fondare una nuova città in Italia, Didone ha il cuore infranto. Alla vista delle vele delle navi di Enea, che salpa abbandonando Cartagine senza neanche una parola di saluto, Didone decide di gettarsi sulla sua stessa pira funebre. Prima di farlo lancia però una terribile maledizione: giammai ci sarà pace tra Cartagine e la città che fonderà Enea, Roma.Roma e Cartagine hanno combattuto tre guerre che hanno distrutto il regno di Didone. Eppure sulle ceneri della città punica è nata una grande metropoli Romana che da secoli - orrore degli orrori per Didone - sfama e arricchisce Roma.Ma in questo episodio Didone avrà la sua vendetta.
In questo episodio Galla Placidia cercherà di mantenere un difficile equilibrio tra i potenti uomini dell’esercito, spesso mettendoli uno contro l’altro. In questo quadro confuso, dopo una serie di abili mosse nella mortale partita a scacchi della politica imperiale, un uomo riuscirà finalmente a conquistare il potere su tutto l’occidente: Flavio Ezio, forse l’ultimo grande soldato dell’occidente Romano. La crisi dell’autorità di Ravenna darà l’opportunità ai popoli foederati imperiali di rialzare la testa e porterà il grande gruppo di barbari che è ancora illegalmente nell’impero, i Vandali, a mettere gli occhi e le mani su una terra rimasta al riparo dalle ambizioni dei barbari: la più importante di tutte. 
Nello scorso episodio abbiamo visto come l’attività energica di Flavio Costanzo abbia ricomposto un Impero d’occidente che pareva destinato al cestino della storia. In questo episodio vedremo come l’Impero continuerà nella sua apparente ripresa ma cercheremo anche di andare a fondo sui cambiamenti imposti dal terribile decennio che va dal 406 al 416, un decennio nel quale l’autorità di Ravenna si era a volte ristretta ad una tenue presa sull’Italia e il Nordafrica.Ai contemporanei questi anni sembrarono una nuova primavera: quello che non sapevano è che era solo una estate di San Martino, il caldo periodo autunnale che precede l’arrivo dell’inverno.
410 dopo cristo: Roma è stata saccheggiata, Vandali, Visigoti e tanti altri barbari vagano a piacere nell'impero d'Occidente. Tre augusti si fanno la guerra per il controllo delle sempre più ridotte risorse dell'Impero.Eppure, nonostante tutto questo cupio dissolvi, in questo episodio le forze dell’entropia troveranno finalmente del filo da torcere: Flavio Costanzo, un capace politico e generale di stampo Stiliconiano. Questi si impadronirà del potere a Ravenna e passo dopo passo rimetterà assieme il puzzle impazzito dell’occidente. Roma è stata saccheggiata, ma l’Impero non è ancora sconfitto, anzi: in questo episodio l’Impero colpisce ancora.
In questo episodio vedremo fino a che punto Stilicone fosse stato indispensabile alla stabilità in Italia: all’uscita di scena del generalissimo dell’occidente i suoi successori prenderanno una decisione disastrosa dopo l’altra portando l’impero sull’orlo del disastro. Invece di scrutare l’abisso e decidere di fare un passo indietro, i padroni dell’occidente si tufferanno nel pozzo, causando l’impensabile: il sacco di Roma.
In questo episodio la tempesta, dopo tanto tuonare, rovescerà sui Romani una epica alluvione degna del diluvio universale: lo tsunami travolgerà l’occidente e alla fine restituirà perfino il cadavere del più grande di tutti: Stilicone, la spada dell’impero, il generalissimo dell’occidente.
A Costantinopoli i Goti sono stati massacrati, i loro capi uccisi. L'accordo di Costantinopoli con il Re dei Goti, Alaric, è oramai carta straccia. Preso alle strette Alaric ha deciso di tentare la sua fortuna con la corte occidentale, invadendo l’Italia: quale sarà il destino dell’’Italia? riuscirà Stilicone a fermare Alaric e evitare il disastro della guerra gotica su territorio italiano? Scopriamolo assieme.
E' il 395, Teodosio è morto e a succedergli sono i suoi due giovani, incapaci e totalmente inutili figli: Arcadio e Onorio. I due imperatori, incapaci a governare, scateneranno una gara a controllare i gangli del potere dietro al potere: cortigiani, eunuchi, militari semibarbari, imperatrici e un certo Re dei Goti cercheranno di assumere il potere sui due giovani figli dell’Imperatore. Il più grande di tutti è un generale di origini barbare ma dal cuore Romano, un diplomatico, un uomo capace e ambizioso che reggerà la corte di Milano per decenni. Il generalissimo dell'occidente non si accontenterà però della corte di Milano e giocherà una complicata partita a scacchi contro i suoi rivali a Costantinopoli.I romani continuano a giocare al gioco del trono, incuranti dell'accumularsi delle nubi della tempesta, ma l’inverno sta arrivando.
In questo episodio alla guida ci siete voi, con le vostre domande! Faremo una cavalcata su vari argomenti a riguardo del quarto secolo: secolo di declino oppure no? relazioni con Cina e altri paesi lontani, cursus publicus, lingue dell'impero, architettura visitabile, eredità e influenze sul mondo moderno e infine vi dirò come mai ho scelto il pezzo che introduce e chiude ogni episodio di Storia d'Italia. Grazie mille a Giovanni, Nicola, Luca, Denis, Alexandre per le bellissime domande! 
Nello scorso episodio abbiamo ripercorso i primi anni della carriera del nostro vescovo di Milano preferito, Sant’Ambrogio, una figura che domina per grandezza e autorità l’ultimo scorcio di quarto secolo. Ovviamente Ambrogio non è la sola figura politica rilevante del suo tempo, l’altro grande è Teodosio, primo del suo nome, Augusto d’oriente e padrone del mondo Romano. In questo episodio i due paladini della fede nicena finiranno per scontrarsi: Chiesa e Impero si ritroveranno in disaccordo: non sarà certo l’ultima volta. Ma su entrambi spira un vento di tempesta, un vento che porterà ad un suicidio imperiale e ad un'epico scontro alle porte dell'Italia. 
loading
Comments (25)

a

controllare su YouTube the history of paper money

Aug 11th
Reply

francesco cusumano

Bellissimo e interessantissimo podcast. complimenti e grazie.

Aug 8th
Reply

Marco Cappelli

francesco cusumano Grazie Francesco! Sono i commenti che uso per andare avanti ;)

Aug 8th
Reply

Fede

Purtroppo dimentico subito i nomi, peccato! Ma grazie per questo immenso lavoro, non vedo l'ora di ascoltare tutti gli altri!!!

Jul 14th
Reply

Marco Cappelli

Fede Grazie a te Fede!

Jul 14th
Reply

Simone Zandarin

Meraviglioso podcast, una narrazione di storia non limitata alla penisola italiana, che appassiona sempre più perché proposta come un racconto che coinvolge non solo eventi, date e numeri ma anche le "storie" dei personaggi, fatte di scelte, ambizioni, intrighi e legami. Da apprezzare i paragoni fatti di tanto in tanto tra gli eventi e i personaggi raccontati e quelli visti in serie TV recenti di successo, a dimostrarci che la Storia quando presentata bene è una fonte inesauribile di trame avvincenti e colpi di scena emozionanti, che sanno tenerci legati alla sedia ad ascoltare per ore. Continua così Marco!

Jul 14th
Reply

Marco Cappelli

Simone Zandarin Grazie Simone, una recensione che mi permetto di incorniciare.

Jul 14th
Reply

Gianluca Pecoraro

complimenti davvero!un podcast interessante chiaro e completo. difficile staccarsi...saluti

Apr 19th
Reply

Marco Cappelli

Gianluca Pecoraro Ho detto che era in Veneto? Ahi ahi.. a mia parziale discolpa è nel Veneto Romano ;)

Apr 24th
Reply

Gianluca Pecoraro

Gianluca Pecoraro p.s. Aquileia è in Friuli

Apr 19th
Reply

Beatriz Hernandez Salazar

Bel lavoro! grazie!!

Apr 7th
Reply

Marco Cappelli

Beatriz Hernandez Salazar Grazie a te Beatriz!

Apr 8th
Reply

Andrea Villa

Magnifico, davvero bello! Grazie

Mar 30th
Reply

Gabriele Fioravanti

grazie, grazie, grazie per il tuo lavoro. complimenti!

Mar 11th
Reply

Marco Cappelli

Gabriele Fioravanti Ma grazie a te Gabriele! Se non lo sai ancora ho aperto anche un sito www.italiastoria.com :)

Mar 13th
Reply

Luca Pagani

Podcast strepitoso! Lo consiglio a tutti gli appassionati di storia :)

Mar 10th
Reply

Marco Cappelli

Luca Pagani Grazie ancora Luca, anche del supporto ;)

Mar 13th
Reply

Alberto Corti

Davvero un ottimo lavoro. Grazie!

Dec 29th
Reply

Marco Cappelli

Alberto Corti Grazie Alberto! Ogni commento e recensione sono veramente preziosi! Se ti va pensa ad una domanda da inviarmi sul quarto secolo, risponderò nel podcast ;)

Dec 29th
Reply

Franco De Giorgio

Complimenti ottimo lavoro, ti ascolto mentre lavoro fantastico

Dec 28th
Reply

Marco Cappelli

Franco De Giorgio Ps: se ti va pensa ad una domanda da inviarmi sul quarto secolo (o altro) e risponderò nel podcast

Dec 29th
Reply

Marco Cappelli

Franco De Giorgio Grazie mille Franco! Sono i commenti che mi danno la voglia e forza di continuare ;)

Dec 28th
Reply

Michele Azzarone

Complimenti gran bel podcast! Le prime 6 puntate me le sono divorate. Ci voleva un bel podcast in italiano sulla storia d'Italia. Non vedo l'ora di ascoltare altri episodi!

Dec 18th
Reply

Marco Cappelli

Michele Azzarone Grazie mille Michele! spero continui a piacerti. E' tanto lavoro ma anche una grande soddisfazione leggere commenti come il tuo

Dec 27th
Reply
loading
Download from Google Play
Download from App Store