DiscoverSpazio Giusto
Spazio Giusto
Claim Ownership

Spazio Giusto

Author: Spazio Giusto

Subscribed: 3Played: 1
Share

Description

Il 𝘗𝘦𝘰𝘱𝘭𝘦 𝘈𝘥𝘷𝘪𝘴𝘰𝘳 delle persone e delle loro storie ispiranti, con lo scopo di aiutarci e stimolarci a trovare il nostro spazio giusto. #trovailtuospaziogiusto
61 Episodes
Reverse
Concludiamo la stagione così come abbiamo messo in pausa la scorsa: parlando intimamente di ritorni, in questo caso quello alla “normalità ” che forse non è più quella di prima, alle nostre abitudini, che forse sono cambiate pure quelle, la ripresa di relazioni, abitudini, giornate diverse, di tutto quello che avevamo lasciato in sospeso, interrotto. Come ci sentiamo? C’è qualcosa che ci è mancata più di altre e c’è qualcosa che ora ci fa più paura? Vi salutiamo così, dandovi appuntamento alla prossima stagione. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
Incontri milioni di persone e nessuna ti colpisce mai veramente, poi ne incontri una e la tua vita cambia per sempre. Cosi si conclude la puntata di oggi che come spesso accade, si è disegnata da sola. Abbiamo parlato degli altri, di come possono influenzare positivamente la nostra vita, di come possono avere un potere benefico, un ascendente positivo e di come certi incontri più di altri ci cambiano, costituiscono un ponte, una svolta, un laccio da cui comincia una storia nuova. Gli altri possono essere uno specchio, scoprire e riverberare aspetti di noi che conosciamo poco o che abbiamo dimenticato. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
Ci sono incontri che creano scintille dalle quali divampano idee piccole e rivoluzionarie: è successo a noi ed è accaduto alle nostre ospiti di oggi. L’incontro di Valentina Sagnibene, autrice e copywriter e Ilenia Provenzi, autrice e traduttrice, ha unito le loro diversità, armonizzato il loro desideri di scoperta, profondità canalizzano le loro professioni in qualcosa di diverso, che spalanca lo sguardo, aprendolo a scenari più ampi che hanno al centro storie e persone, da scovare e raccontare. Ci hanno raccontato come il bisogno di fare qualcosa che le facesse sentire bene, ispirazione di figure importanti le abbiano condotte al progetto Lumos Place, che aiuta le persone a trasformare storie e racconti in qualcosa di più, un romanzo, un libro, ma soprattutto ci hanno raccontato perché hanno creduto nel potere delle storie, cosa rappresenta per loro e come ha cambiato il loro tempo. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
Questo spazio ci permette di scoprire persone e realtà che sembrano arrivare proprio quando servirebbero, ma probabilmente quando stiamo cercando altro: ci piace pensare sia tutto frutto di serendipity. Ultimamente abbiamo accusato un periodo complicato e quando ci si sente un po’ giù si cerca riparo in qualcosa che rappresenti per noi una comfort-zone come le serie tv, quelle del cuore da rivedere, quelle inedite da scoprire e così abbiamo pensato di raccontarle insieme alle ideatrici di Netflix & Therapy: Alessia ed Elena, rispettivamente una sceneggiatrice e una psicologa. Abbiamo chiacchierato insieme di serie, come farebbero quattro amiche appassionate di questa compagnia preziosa, questo appuntamento con personaggi che diventano presenze importanti, abbiamo parlato di come una sceneggiatura può intrecciarsi casualmente al nostro vissuto, creare con noi un legame empatico e di affezione che dura nel tempo. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
Nell’ultimo anno il nostro rapporto col tempo è cambiato: per alcuni è stato stravolto, rivoluzionato, altri hanno potuto riabbracciare un tempo perduto, ritrovare ore che mancavano da anni, il tempo si è dilatato, ha cambiato forma e consistenza e noi volevamo parlarne, quindi, come sempre abbiamo pensato a qualcuno che col tempo ci lavora, in particolare modo con quello degli altri e abbiamo trovato una professional organizer. Beatrice svolge questa professione decisamente in ascesa e a noi piace diluire un argomento dal grande peso specifico come il tempo attraverso la scoperta e Il confronto con una professionista che opera in un ambito e una modalità tutta da scoprire. Che valore diamo al nostro tempo? Sappiamo davvero farlo fruttare? Riusciamo ad ottimizzarlo per occuparci davvero di noi e di quello che ci piace o rendiamo a disperderlo pensando ne manchi sempre quando a mancare forse è solo una gestione efficace? Questo tempo è dedicato al tempo, godetevelo in questo episodio. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
Questa puntata è arrivata all’ultimo, sul finire di una settimana difficile e racconta quanto dentro Spazio Giusto portiamo noi stesse, liberamente, in modo autentico, anche nei momenti meno semplici, più faticosi. Assomiglia a una telefonata di fine giornata tra due persone care: intima, condivisa, piena di confidenze, uno sfogo liberatorio che mostra tante piccole grinze, sgualciture. Ci sentivamo abbastanza accartocciate, affaticate, ve lo abbiamo raccontato e ci siamo raccontate tante cose che hanno fatto luce sulle nostre fragilità, diverse, nascoste, normali. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
Quando in uno dei nostri sondaggi qualcuno ci ha consigliato di parlare di capelli, eravamo incerte su come poterlo fare, che taglio dare all’argomento, sotto che punto di vista farlo. Poi però come spesso ci accade, tutto succede casualmente e si intreccia in qualcosa che sembra chiudere un cerchio. E così è successo quando Francesco, giovane hair stylist, ci ha proposto di chiacchiere non solo del suo lavoro, ma di tutto quello che c’è dietro e non si vede: dell’empatia, del contatto con clienti che si ritrovano a fronteggiare la perdita di capelli e di come loro gestiscono e interagiscono con loro. Abbiamo pensato anche di chiedere ad Alba, che ha vissuto in prima persona un’esperienza così forte, evidente esteriormente e profondamente sconosciuta. Ascoltate questa puntata intima, tenera, attraverso cui tante persone potrebbero riconoscersi, una storia di resilienza vera e di cosa si nasconde dietro un lavoro che non è solo come sembra. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
Oggi abbiamo conosciuto meglio Noemi e attraverso la sua storia, il suo vissuto pieno di esperienze, di scelte coraggiose che le hanno aperto strade inaspettate e la sua difficoltà a sentirsi etichettata da un’unica categoria professionale, abbiamo avuto l’occasione di parlare di multipotenzialitá. Molti di noi sentono di avere un sistema complesso di passioni, interessi, capacità difficili da incanalare in un unico ambito, in un unica professione e hanno difficoltà a fermarsi in qualcosa di unico, fermo, convenzionale e da questo sorge il concetto di lavoro fluido, aperto, multipotenziale. Noemi Mariani è un'autrice che lavora con le parole, fa dell’ironia la sua cifra e fa un’altra miriade di cose diversissime, interessanti, tutte irrinunciabili, perché senza una di loro lei non sarebbe se stessa. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
È affascinante vedere come una passione possa diventare un’esigenza, un bisogno intimo, a volte addirittura una cura. Federico Palazzo, ospite di questa puntata, è un giovane poeta, scrive per diletto, ma anche per passione, per bisogno. Attraverso i suoi versi regala a chi lo scopre e lo legge qualcosa di se, qualcosa d’importante, il suo modo di vedere il mondo, di leggere i sentimenti e l'amore e lo fa attraverso lo strumento che sa suonare meglio: la poesia. Abbiamo chiacchierato con lui d’ispirazione, di quanto sia complicato scrivere ed essere ispirati in un momento di siccità emotiva come questo, di quanto i social abbiano restituito la poesia al pubblico, giovane, in una chiave quasi mainstream, facendola assaporare anche ai più giovani. Federico ha raccontato e ci ha raccontato molto della sua scrittura, delle parole che nel tempo ha disperso e di quelle che forse ha ritrovato. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
Sulla scia del momento che vede al centro di dibattiti mediatici e denuncia sociali il catcalling, abbiamo voluto riservare anche noi uno spazio e dedicare del tempo all’argomento, che ci ha viste protagoniste in prima persona e che, come sempre, riteniamo importanti affrontare attraverso un dialogo costruttivo. Troppo spesso ci siamo ritrovate al centro di circostanze che negavano questa problematica oppure che la confondevano con un complimento colorito o peggio spostavano l’asse dell’attenzione sulla poca predisposizione delle donne ad accettare apprezzamenti o ad avere atteggiamenti ipocriti nei confronti dell’ammirazione maschile. Noi abbiamo detto la nostra, chiacchierando della questione sperando di stimolare un confronto aperto e dinamico. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
Ciclicamente abbiamo bisogno di raccoglierci in una delle nostre puntate intime, come ci piace definirle, in cui accendiamo il microfono e ci lasciamo andare a un flusso di parole, di aneddoti che creano un confronto partendo da un argomento che ci ha ispirate o di cui sentiamo il bisogno di parlare. Questa volta abbiamo pensato di chiacchierare sul potere della parola no, su quello che crea quando ci troviamo a doverla gestire, quando dovremmo dirlo e non riusciamo, quando ne siamo investiti. No, è una parola piccola, semplice, preziosa, difficile, rivoluzionaria, disciplinante, mette ordine, ma può anche sovvertire gli equilibri. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
Seguendo il filone delle puntate che raccontano di scelte di rottura, ci tenevamo molto ad affrontare un tema importante, che crea ancora molta confusione: la transessualità. Francesco è nato per i primi anni della sua vita in un corpo che non ha mai riconosciuto come il suo, non rappresentava quello che lui sentiva di essere e in questa puntata racconta la migrazione e il distacco dal suo aspetto esteriore di nascita, parla di identità di genere, disforia e chiarisce un po’ molte idee confuse riguardo la sua storia che è la storia di tante altre persone che come lui ha detto, hanno qualcuno che spinge alla bocca della stomaco e lo fa fino a che non si trova il coraggio di dargli ascolto. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
In questo filone di puntate in cui la diversità, l’accettazione dell’altro e di idee diverse sono il fulcro dei nostri argomento, abbiamo pensato di parlare anche di chi sposa un’idea e ne fa uno stile di vita. Abbiamo chiacchierato con Vittoria Tomassini, ideatrice del blog The Optimistic Apple, in cui promuove uno stile di vita sostenibile, racconta la sua scelta vegana, e offre spunti e contenuti utili e interessanti inerenti a questo campo. Spesso, chi come lei porta avanti un’idea trasformandola in un’etica quotidiana, consapevole e trasversale, è oggetto di discriminazione e parlando, proveremo anche in questo caso ad abbattere la barriera dell’estraneità e della disinformazione. Non solo, attraverso la sua storia abbiamo parlato di come trasformare una passione in un vero e proprio brand con un'anima. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
Cosa pensiamo quando incrociamo una ragazza che indossa il velo per strada? Abbiamo un’opinione reale o solo un’impressione visiva, stratificata da cliché e “sentito dire”? Sempre più spesso ci siamo chieste quante cose non sappiamo riguardo tematiche e argomenti che dividono, allontanano e ghettizzano persone che hanno usi, costumi, abitudini diverse. Come sempre abbiamo provato a chiarirci le idee e ad abbattere dei confini ideali, confrontandoci con qualcuno che vive scelte diverse da noi, tradizioni sconosciute e talvolta per niente comprese o peggio rispettate, come quelle d’indossare il velo. Abbiamo trovato in Esraa, ospite di questa puntata, la perfetta interlocutrice per approfondire il valore e il senso di un oggetto ancora fin troppo stigmatizzato, di cui però molti conoscono pochissimo o meglio nulla. Abbiamo parlato di “ragazze velate”, islamofobia, di come i social possono essere potenti anche per veicolare e sensibilizzare argomenti come questo e spronare sempre di più a guardare oltre. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
In questa puntata, la storia di Luca Esposito aka Liquorsbeauty ci ha aiutate ad affrontare finalmente un argomento che da tempo avremmo voluto approfondire: l’omofobia. Abbiamo ascoltato le parole di un ragazzo vittima di omofobia, che ci ha svelato però quante discriminazioni esistano anche nella comunità omosessuale, quanto ancora l’orientamento sessuale etichetti una persona e quanto per fortuna esistano storie come la sua - che dannno voce a tante altre storie - che raccontano una passione come il makeup, che riesce a sdoganare pregiudizi e discriminazioni, e che nel suo caso gli ha cambiato la vita che, perseguita con passione e ostinazione riesce a conferire autenticità e valore a chi si è davvero. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
In questo momento più che mai, crediamo che il benessere interiore passi necessariamente attraverso le passioni, l’espressione artistica, un linguaggio personale per esprimersi. La musica è per molti una sponda a cui appoggiarsi, un’ancora, un maniglione antipanico che sia ascoltata, suonata, scritta. Nella puntata di oggi il duo ReKoba ci racconta come la musica riesce a rappresentare per loro molte cose diverse, complesse, profonde ma anche come l’urgenza espressiva, il bisogno, l’amore siano componenti di una verità semplice: fare ciò che gli piace e che li rende felici. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
Certamente un periodo così delicato, spaventoso per certi versi, preoccupante e destabilizzante ha saputo mostrarsi anche rivoluzionario e mettendo in luce anche la forza resiliente di moltissimi. In un momento così buio, dove spesso non riuscivamo a riconoscere il nostro presente e a scorgere il nostro futuro, molto di noi sono partiti da quello che avevano davanti. Come la dottoressa Federica Vita CECI, psicologa e psicoterapeuta, che ha osservato cosa accadeva alle persone e ha intuito il bisogno di una dimensione sicura, intima dando vita ad un Brave Space: un posto in cui la parola, libera da giudizio, può essere d'aiuto e unire. Storicamente, le grandi crisi e i grandi momenti di apparente decadenza hanno offerto l’occasione di creare e inventare qualcosa di nuovo. Reinventarsi per risorgere, risollevarsi, e ritrovarsi cambiati, magari migliori. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
Quando abbiamo acceso i microfoni stavolta, avevamo seriamente “paura” di non riuscire a portare a casa la puntata: stanche, provate, deconcentrate. Un post instagram e i vostri suggerimenti ci hanno dato l’idea per l’argomento da affrontare, ma non sempre si trova la frequenza giusta, il ritmo, l’energia. Le registrazioni avvengono nel caos di giornate entusiasmanti, ma a volte anche in mezzo a giornate no. Spazio Giusto crea dei corti circuiti, per noi, delle piccole magie sparse e forse proprio l nostro stato d’animo ha generato un flusso di pensieri e parole libere, intorno alle paure, a quanto ci limitano, a quanto ci stimolano, a quelle che sono sempre lì e a quelle che non esistono più. Abbiamo chiacchierato tra noi ma - come sempre - immaginando che voi foste presenti e, mentre noi ci raccontavamo in modo terapeutico, la puntata prendeva forma e contenuto. Tutto quello che abbiamo detto è che un’ombra racconta sempre di una luce. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
Il nostro corpo è il luogo in cui abitiamo, è l’involucro, la nostra proiezione esterna e volte capita possa tradirci, essere manchevole, imperfetto, diverso. Federica Napoli è una ragazza che può raccontare di quanto un difetto fisico e tutto quello che ne consegue possa influenzare la vita, ma possa anche essere occasione di rinascita, condivisione e aiuto. Divenuta popolare attraverso fenomeno musicale de Il Pagante, Federica ha avuto modo di conoscere i riscontri negativi che la sovraesposizione mediatica possa avere. Diventata vittima di cyberbullismo, il suo problema viene strumentalizzato tanto da farle vivere esperienze di vergogna e disagio. C’è però un rovescio della medaglia, un finale positivo in cui Fede ci ha raccontato come si è rialzata dagli attacchi e ha reso la sua vicenda personale uno spunto per tanti altri, uno stimolo e una storia di resilienza. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
Il social è ormai parte integrante della nostra vita e della nostra giornata: è una vetrina, un grande contenitore visibile agli altri in cui scegliamo di raccontare noi stessi, esprimerci, condividere momenti e pezzi di noi. Col tempo, la valenza e l’impatto sono cresciuti in maniera esponenziale, i contenuti si sono ampliati e il modo di comunicare si è evoluto e plasmato. Abbiamo aderito tutti a un sistema di esposizione del meglio, delle cose più belle, dei momenti più felici. Per qualcuno però può diventare un modo per raccontare anche qualcosa di meno brillante, di difficile, complesso come vicende, stati d’animo, difficoltà, per cercare aiuto e per cercare una vicinanza in altre persone. Abbiamo fatto una chiacchierata in cui ci siamo confrontate e come sempre ci siamo poste molte domande, senza filtri, per davvero. Se ti piace l'episodio condividilo usando l'hashtag #spaziogiusto e seguici sulle pagine Facebook https://www.facebook.com/spaziogiusto e Instagram https://www.instagram.com/spaziogiusto
loading
Comments 
Download from Google Play
Download from App Store