DiscoverPillole pedagogiche
Pillole pedagogiche
Claim Ownership

Pillole pedagogiche

Author: Igor Salomone

Subscribed: 3Played: 28
Share

Description

La domanda più diffusa sull'educazione è: come faccio a farla? In questo podcast invece cercheremo di capire insieme come funziona. Ogni volta a partire da spunti che tutti noi conosciamo bene per andare a fondo della questione. Insomma, il motto del podcast è: se vuoi fare educazione, devi sapere come è fatta.
30 Episodes
Reverse
Con questo episodio inizia un ciclo sulle grandi narrazioni educative, o meglio, sull'Educazione. Oggi parleremo della Pax pedagogica, ovvero quella diffusissima narrazione con molti varianti che vuole l'educazione come una cosa buona o, se non lo è, per lo meno bonificata.Inizia inoltre con questo episodio una rubrica che nei nostri piani dovrebbe accompagnare ogni puntata del podcast., riprendendo i temi dell'episodio con un taglio differente e con un rilancio agli ascoltatori. Inoltre sarà condotta da un'altra voce, quella di Delia Oddo, una delle allieve del Laboratorio di consulenza pedagogica che ne cura il testo e la lettura.
Per l'accesso al Salotto pedagogio il link a Meet è https://meet.google.com/yws-dhvk-borPer il libro Secondo me. Saggio autobiografio sulla consulenza pedagogica su Amazon libriPer Pier Paolo Cavagna e il suo Storie di ordinaria pedagogia su Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=JIYKTsHi92A&t=598s
Pier Paolo Cavagna e le sue colleghe Sharon Tiana e Laura Corrias di Storie di ordinaria Pedagogia, mi hanno intervistato per parlare di Secondo me, il mio saggio autobiografico sulla consulenza pedagogica. Ne è uscito un risultato denso e lungo suddiviso in tre parti. Questa è la prima. Potete trovare i video delle interviste, se preferite questo mezzo, qui:https://www.youtube.com/watch?v=pygZEOR87osDa questo link poi potete anche collegarvi al canale di Storie di ordinaria pedagogia e approfittare dei numeorsi contenuti messi a disposizione da Pier Paolo Cavagna conosciuto in questa occasione e che spero di incrociare presto nuovamente per approfondire quello che abbiamo solo iniziato a sfiorare
Pier Paolo Cavagna e le sue colleghe Sharon Tiana e Laura Corrias di Storie di ordinaria Pedagogia, mi hanno intervistato per parlare di Secondo me, il mio saggio autobiografico sulla consulenza pedagogica. Ne è uscito un risultato denso e lungo suddiviso in tre parti. Questa è la prima. Potete trovare i video delle interviste, se preferite questo mezzo, qui:https://www.youtube.com/watch?v=-zPpikGv8dQDa questo link poi potete anche collegarvi al canale di Storie di ordinaria pedagogia e approfittare dei numeorsi contenuti messi a disposizione da Pier Paolo Cavagna conosciuto in questa occasione e che spero di incrociare presto nuovamente per approfondire quello che abbiamo solo iniziato a sfiorare
Che rapporto c'è tra problemi e soluzioni? e che c'entra l'educazione con questo rapporto? cosa ci sta succedendo oggi a questo proposito? Occorre imparare a non inseguire soluzioni che non siamo in grado di mettere in pratica.
Finalmente la prima intervista del podcast che non poteva non essere dedicata ad Andrea Ciraolo, autore di Passione podcast e di un'altra serie di podcast, nonchè animatore fondamentale del festival del podcasting. Un episodio tutto da gustare dunque, sia per la nuova forma dialogante, sia sopratutto perchè metterà a fuoco il ruolo che ha nelle strutture educative, la capacità di mettere a disposizione non quello che sappiamo, ma quello che stiamo imparando.Questo il link per il podcast di Andrea: https://www.spreaker.com/show/passione-podcastQuesto il link al primissimo episodio di Passione podcast: https://www.spreaker.com/user/andreaciraolo/perche-questo-podcastIl sito di Officine:https://www.officine.me/Telegram: @andreaciraolo
Questo episodio, tutto l'episodio, è una call to action. Totalmente fuori dai canoni dei podcast, ovviamente. La domanda è: che farsene di questo podcast? A ognuno la sua risposta, ma io provo a indicare tre prospettive d'uso. Per non seguirne neppure una, l'unica possibilità è non ascoltarlo.Qui potete trovare le informazioni fondamentali per la licenza Creative Commons https://creativecommons.org/licenses/?lang=itIl brano The sound of music è tratto dall'originale della colonna sonora di Tutti insieme appassionatamente, versione italianaIl brano Le cose che piacciono a me è eseguito dall'Ok mama musical group e registrato nell'aprile di quest'anno in pieno stile Lockdown di una volta, quando eravamo tutti impegnati a produrre lavori collettivi ognuno da casa propria. Trovate il video seguendo questo link: https://www.youtube.com/watch?v=_LxXUaw6UIc
Siamo di nuovo in ritirata verso lo spaziotempo digitale. Quindi occorre tornare a pensarlo e a pensare cosa voglia veramente dire "distanza educativa", ovvero quella distanza che sulla scena digitale rischia di scomparire.Questo il link per l "ottalogo" d Raffaele Mantegazza:https://primamonza.it/rubriche/glocalnews/i-consigli-dellesperto-8-regole-per-far-funzionare-la-didattica-a-distanza/
Con questo episodio iniziamo una nuova serie dedicata all'analisi dei miti dell'educazione. Iniziamo con quello, diffuso e dominante, del Benessere, entrato in crisi profonda a causa della pandemia. Come dobbiamo affrontare le domande di rassicurazione dei nostri figli? e, some sempre, cosa impariamo sull'educazione nel tentativo di dar loro una risposta?Oltre a commentare qui potete scrivermi: igor.salomone@me.comtelegram @igorsalomoneL'intermezzo musicale, per chi non lo abbia riconosciuto, è un brando tratto da Così parlò Zarathustra di Richard Strauss, reso famoso da Stanley Kubrik in 2001 Odissea nello spazio. Il legame tra quella citazione musicale e il testo lo lascio scoprire a voi.
Siamo nel piendo di un'occupazione armata del mondo educativo da parte di quello sanitario. Non so se sia necessaria o meno, non ho le competenze per giudicare. Però so che è necessario che il codice della protezione non cancelli quello educativo.
Questo è un episodio speciale dedicato ad alcune domande degli ascoltatori (?). Parleremo del perchè io abbia questa mania del come è fatta l'educazione, da dove nasce per arrivare a capire che senso ha avuto scegliere un podcast per continuare a farlo. Continuare, perchè questa compulsione mi insegue da tutta la vita.In ogni caso questo epiodio è il primo a essere interamente dedicato a delle domande. Pensatele, formulatele e inviatemele, pazientemente risponderò a tutte in un altro episodio speciale.igor.salomone@me.com@igorsalomone per TelegramOppure scrivetele pure qui nei commenti.
In questo episodio mettiamo a fuoco i cambiamenti imposti dalla pandemia alla nostra sensibilità educativa. Dopo decenni di sbornia individualistica che ha orientato i nostri progetti educativi o al benessere o alle competenze personali, torna l'enfasi sulla responsabilità collettiva. Era ora, grazie Covid. Ma cosa ce ne faremo?Ricordo che potete lasciare i vostri commenti qui oppure sulla mia pagina Facebook o anche su Telegram @igorsalomone
Eccomi con un nuovo episodio di ripresa della stagione del podcast. Il tema è caldo: la riapertura dei luoghi educativi alle prese con tutte le norme di sicurezza e i vari protocolli.Per i vostri contributi potete lasciarli qui come commenti, oppure scrivere @igorsalomone su Telegram o mandarmi una mail a igor.salomone@me.comPer i like che vi ho chiesto per la mia partecipazione al festival del podcasting questi i link:https://festivaldelpodcasting.it/ il sito del festivalhttps://www.instagram.com/p/CE1yLqmC-8C/ la pagina Instagram per i LIKE Un ringraziamento anticipato per chi mi appoggerà in questo nuovo passaggio del podcast!
Buone vacanze augurate a modo mio. Ci risentiremo a settembre, ancor più agguerriti, sempre con lo stesso motto, sempre just in time rispetto a quello che quotidianamente stiamo vivendo
Siamo al terzo degli standard pedagogici analizzati in questo podcast. Uno standard forse un po' obsoleto, ma che nasconde ancora nel suo intimo un senso profondo dell'esperienza educativa umana: il suo trasmettersi prima di tutto come esperienza educativa. Ma chi ti ha insegnato l'educazione è anche il titolo di un libro del 2012 libro di Giorgio Prada, un amico che non potevo non citare. Milano, Angeli Edizioni. Lo trovate a questo link: https://www.amazon.it/insegnato-leducazione-Genitori-sulla-educativa/dp/8856848317Mercoledì 15 luglio alle 21.30 cocktail estivo in balcone per parlare di consulenza pedagogica e del mio libro: Secondo me. Puntuali mi raccomando con un bicchiere in mano per la diretta Fb. Questo il link all'evento:https://www.facebook.com/events/720732065327212/Ma credo ci troverete anche sulla mia pagina Fb:https://www.facebook.com/Igor-Salomone-306897510277
Continua la serie dedicata agli standard pedagogici. Questa casa non è un albergo è un vero evergreen, che può sembrare fuori luogo poche settimane dopo il lockdown. E anche un po' irridente. Ma non è così, questo standard ci costringe a indagare la natura dei luoghi educativi fatti apposta per doverne uscire. Per questo vanno abitati in un certo modo.
Con questo episodio riprendo l'analisi degli Standard pedagogici, ovvero quelle frasi e quei modi di dire che ci hanno inseguito nell'infanzia e in gioventù, che abbiamo assimilato anche se ci hanno quasi sempre irritato e da adulti ci troviamo a nostra volta a usare. Nonostante i nostri spergiuri per evitarlo. L'elenco degli standard potete trovarlo alla fine dei primi episodi di PIllole, quelli originari, girati in video e che sono ora su Youtube. Questo il link:https://www.youtube.com/watch?v=RI2bXAO8rrU&t=314s al minuto 4' 41"
Con questo episodio iniziamo una serie dedicata al racconto di storie educative analizzate nella prospettiva sposata da questo podcast: comprendere come è fatta l'educazione.Parlerò di interpretazioni standard date alle criticità che l'educazione incontra quotidianamente, di problemi tipici che quelle interpretazioni standard definiscono e delle soluzioni ricorrenti che ne derivano. Ovviamente per approdare a interpretazioni differenti meno usuali e più congrue con la scena educativa.Intanto pongo il problema e faccio qualche esempio. Successivamente raccoglierò storie da parte degli ascoltatori, prestate attenzione alla call to action finale per i dettagli. Da quelle storie prenderò spunto leggendone delle parti e sopratutto offrendovi una mia lettura.=========================Per l'invio di storie vi chiedo un aiuto anche nella forma perchè io possa utilizzarle al meglio:a) racconti di episodi concreti b) descrizione della scenac) elenco degli attori presentid) cosa succede e) le parole utilizzateSembra difficile, ma è la scaletta che uso da decenni in formazione e supervisione. Serve a far mente locale e a raccontare qualcosa che io riesca in qualche modo a "vedere"
Cosa ci manca davvero di tutto quello che la distanziazione dei corpi ci ha tolto? L'incontro dei corpi, appunto, e i luoghi e im momenti nei quali quell'incontro avveniva. Grazie quindi alla distanziazione, stiamo scoprendo cosa veramente è essenziale nell'esperienza educativa.
Coon questo episdodio affronto in modo tra lo scanzonato e il provacatorio il tema cruciale della differenza tra apprendimento ed educazione. La tesi è che le mille teorie dell'apprendimento correnti, tutte dotate di un loro indiscutibile fascino, rischiano di far perdere fascino all'educazione. Che invece è estreamente seducente. A guardarla negli occhi.
loading
Comments 
loading
Download from Google Play
Download from App Store