DiscoverLineaSalute
LineaSalute
Claim Ownership

LineaSalute

Author: CARLO MARIA Buonamico

Subscribed: 2Played: 1
Share

Description

La salute spiegata semplice a partire dalle domande dei cittadini. Sempre con accento positivo!
22 Episodes
Reverse
La broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) è una malattia dell'apparato respiratorio che si manifesta con l'ostruzione irreversibile delle vie aeree.Prima causa di questa malattia cronica, cioè che accompagna il paziente per tutta la vita, è il fumo di sigaretta.Ma come capire se colpi di tosse e respiro corto sono segnali di una possibile BPCO o invece sintomi di semplici malattie di stagione?L’ospite di questa puntata di LineaSalute che risponde alle domande del pubblico è il Professor Fabiano Di Marco, presidente della Società italiana di Pneumologia
Nota come “alopecia” la perdita dei capelli, che può interessare sia gli uomini che le donne, può essere fonte di stress e imbarazzo. Ma sappiamo bene di che si tratta? Da cosa è dovuta, e soprattutto che esistono diversi rimedi per rallentarla?L’ospite di questa puntata di LineaSalute è il Professor Alfredo Rossi, professore associato presso la Clinica dermatologica Università di Roma “la Sapienza” e Responsabile del Centro sulla fisiopatologia degli annessi cutanei
Quelle palpitazioni così forti…che nulla hanno a che fare con l’amore. Si tratta di uno dei classici sintomi della Fibrillazione Atriale, un'alterazione del ritmo cardiaco.Talvolta passeggera, la Fibrillazione Atriale può rappresentare una grave minaccia per la salute perché è un po’ come se fosse l’anticamera dell’Ictus.In questa puntata di LineaSalute parleremo proprio di questo: capire perché è importante diagnosticare celermente la Fibrillazione Atriale in modo che le possibili conseguenze vengano prevenute attraverso opportuni trattamenti.Risponde alle domande del pubblico il Dottor Antonio D’Onofrio, responsabile UOSD di Elettrofisiologia, studio e terapia delle Aritmie – AORN dei Colli presso l’ospedale Monaldi di Napoli e presidente dell’Associazione italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione.
Malattia autoimmune neurodegenerativa, colpisce il sistema nervoso centrale. E' la sclerosi multipla, che interessa circa 3 milioni di persone nel mondo e 137.000 in Italia, specialmente donne.Anche se la causa della malattia non è ancora completamente nota, è importante riuscire a identificare precocemente questa patologia e qual è la forma d'esordio, per calibrare al meglio gli interventi farmacologici a cui far ricorso per tenerla sotto controllo e riuscire ad avere una qualità di vita simile alle persone sane.In questo episodio di LineaSalute risponde alla domande del pubblico il  Professor Mario Alberto Battaglia, presidente della Fondazione Italiana Sclerosi Multipla.
La degenerazione maculare senile si può presentare dopo i 65 anni come un punto nero proprio davanti agli occhi. Come se avessimo un piccolo pulviscolo sulla lente degli occhiali. Oppure come una deformazione della visione centrale. Oggi poco o nulla si può fare per la forma secca di questa patologia. Gli unici farmaci esistenti riguardano la forma essudativa (umida). Ma in prospettiva arriveranno anticorpi monoclonali e terapia genica.In questo episodio di LineaSalute risponde alle domande del pubblico il Dottor Matteo Piovella, presidente della Società italiana di Oftalmologia.
Spesso confuse con le allergie alimentari, le intolleranze sono reazioni avverse del nostro organismo nei confronti di alcuni tipi di alimenti che si manifestano senza il coinvolgimento del sistema immunitario. Dovute alla mancanza o alla carenza di enzimi che permettono di digerire determinate molecole presenti negli alimenti, hanno una fisiologia ancora non completamente chiara anche agli esperti.Ma come riconoscere se siamo alle prese con un’intolleranza alimentare o con un’allergia agli alimenti? Come poter identificare l’elemento che scatena il nostro malessere? E come gestire la situazione?Nella prima puntata della seconda stagione di LineaSalute, risponde alle domande del pubblico il dottor Mario Di Gioacchino, presidente della Società italiana di Allergologia, Asma e Immunologia clinica.
In Italia il cancro della prostata è il tumore più diffuso nella popolazione maschile e ne rappresenta quasi il 20%. Il rischio di esserne soggetto è massimo dopo i 65 anni ed è doppio per chi ha in famiglia un papà o un fratello con lo stesso tumore. Nonostante questo il 91% dei malati ha una sopravvivenza netta a 5 anni dalla diagnosi. Risultati che si possono ottenere grazie alle diverse tipologie di intervento, dalla chirurgia robotica a quella che utilizza la radioterapia. Anche se la prevenzione attiva, cioè il sottoporsi a regolari screening è l'arma più efficace per poter 'prendere' il tumore sul nascere e avere maggiori probabilità di successo nelle cure.In questa quindicesima puntata di LineaSalute risponde alle domande del pubblico il dottor Giorgio Gandaglia, Urologo presso l'Unità Operativa di Urologia, Ospedale San Raffaele di Milano e Ricercatore a Tempo Determinato presso l’Università Vita-Salute San Raffaele.
Non solo anoressia e bulimia. I disturbi dell'alimentazione sono vari, ma hanno in comune una base psicologica: un disagio profondo che determina un problema psichico. Si tratta di patologie prevalentemente di interesse femminile, il cui inizio è sempre più precoce anche per i paradigmi estetici estremi a cui sono esposti i bambini già in tenera età a causa dell'accesso ai social media. In questa quattordicesima puntata di LineaSalute approfondiamo questo argomento insieme a Palmiero Monteleone, ordinario di Psichiatria presso il dipartimento di Medicina e Chirurgia dell'Università di Salerno e presidente della Società italiana di Psicopatologia dell’Alimentazione.
Lo screening per il tumore al colon-retto si fa a casa, in modo indolore e gratuito. E rappresenta un'azione di prevenzione fondametale per avere le migliori possibilità di terapia in caso di presenza di tumore maligno.Il tumore al colon-retto è il terzo cancro più frequente nell'essere umano e colpisce tanto gli uomini quanto le donne soprattutto tra i 60 e i 75 anni.Nella tredicesima puntata di LineaSalute ne parliamo con il professor Nicola Silvestris, Oncologo presso l’Azienda ospedaliera universitaria Gaetano Martino di Messina e segretario nazionale dell’Associazione italiana di Oncologia Medica (Aiom).
In Italia ci sono oltre 2 milioni di persone con malattia rara di cui 1 su 5, dunque 400 mila, ha con meno di 18 anni. Il tempo medio per la diagnosi va dai 4 ai 7 anni le malattie. Solo per il 5% di queste malattie oggi esiste una cura.Nel 70% dei casi le malattie rare compaiono in età pediatrica e accompagnano le persone durante tutte le stagioni della vita. Si tratta quindi di malattie croniche, che si aggravano nel tempo diventando invalidanti. Questo comporta che per 8 malati su 10 si generi una reale difficoltà a gestire la quotidianità, non solo legata alla malattia ma anche sotto il profilo sociale.Problematiche di inclusione, scolastica, lavorativa e sociale sono una realtà da affrontare non solo dalle persone con malattia rara, ma anche da parte di familiari e amici che nella maggior parte dei casi sono coloro che si prendono cura, di queste persone.In occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare ne parliamo con Annalisa Scopinaro, presidente di UNIAMO – Federazione Italiana Malattie Rare.
L'invecchiamento è un processo naturale. Alimentazione, stile di vita e integrazione alimentare possono essere validi alleati per rallentarlo.La Medicina estetica può essere un ulteriore alleato per far convivere più serenamente l'età anagrafica con quella che ci sentiamo.Ma di che si tratta esattamente? Cosa può fare e cosa no? E chi vi si può rivolgere?Occorre un approccio cauto, ma senza demonizzazioni. Consapevoli dei suoi limiti e dei possibili rischi: sono sempre più i giovanissimi che chiedono interventi di medicina estetica.Spinti e influenzati, non positivamente, da canoni estetici innaturali visti, rivisti e promossi su TikTok e Instagram dagli influncer che rischiano di creare danni psicologici su bambini e ragazzi.Come ci spiega il professor Emanuele Bartoletti, Specialista in Chirurgia plastica e ricostruttiva e Medicina estetica, direttore del Servizio ambulatoriale di Medicina estetica e del Benessere psicofisico nella patologia all’Ospedale Gemelli Isola di Roma, nonché presidente della Società Italiana di Medicina Estetica.
Disturbi psicotici come la schizofrenia, quelli dell’umore come il disturbo bipolare e la depressione maggiore, l’ansia e le insidiose anoressia e bulimia nervose.Ben una persona su otto convive con problemi di salute mentale. E circa metà delle malattie mentali inizia durante l’adolescenza e in tre casi su quattro prima dei 25 anni.Ma cosa si intende per salute mentale? Come riconoscere un disturbo della mente da altre forme di malessere meno gravi? Come prevenire le malattie mentali e con quali approcci terapeutici affrontarle?In questa decima puntata di LineaSalute ne parliamo con il professor Claudio Mencacci, psichiatra e presidente della Società italiana di Neuropsicofarmacologia.
In Italia vivono oltre 800 mila donne con diagnosi di tumore al seno. Nel 2022 la stima dei decessi per questo tipo di tumore è stata di oltre 15 mila persone. Eppure l’88% delle donne ha speranze di sopravvivenza netta a 5 anni dalla diagnosi.Target therapy e anticorpi coniugati pongono le basi per opportunità di cura sempre migliori. Anche per le forme tumorali più importanti.Risponde alle domande dei cittadini il professor Saverio Cinieri, presidente della Fondazione Aiom (Associazione italiana oncologia medica) e direttore di Oncologia medica e Breast Unit all’ospedale Perrino di Brindisi.
Quella da HPV è l’infezione a trasmissione sessuale più frequente. Molto più frequente di quella dell’HIV, dell’epatite o della sifilide. Parlare di Papilloma virus umano (HPV), significa parlare sia di tumore che di vaccino e quindi di prevenzione. Non tutte le infezioni di questo virus causano il tumore al collo dell'utero, ma prevenirle è possibile grazie alla vaccinazione. Consigliata a maschi e femmine intorno ai 12 anni. Ma somministrabile anche più avanti negli anni. Ci spiega perchè la dottoressa Caterina Ricci, Dirigente Medico presso l’Unita di Ginecologia Oncologica della Fondazione Policlinico Gemelli di Roma.
Ne soffre il 10% della popolazione, soprattutto al di sotto dei 50 anni e in misura maggiore le donne. E' la sindrome dell'intestino irritabile, meglio nota come "colon irritabile".Ad acuire i fastidiosi sintomi è soprattutto lo stress, psichico o fisico. Perchè tra intestino e cervello esiste un collegamento diretto.Ridurre i sintomi è possibile, scegliendo attentamente cosa mangiare e assumendo integratori alimentari come fibre, probiotici e prebiotici. Ai microfoni di LineaSalute, la dottoressa Federica Furfaro, Gastroenterologa, ecografista ed endoscopista presso l'Ospedale San Raffaele di Milano.
Praticare sport divertendosi e in sicurezza è possibile. Anche se si ha il diabete.Circa 3 milioni e mezzo di diabetici in Italia, di cui il 90% dei casi è rappresentato da diabete di tipo 2. Il restante 10% riguarda invece persone con diabete di tipo 1, insulinodipendente, che si manifesta già in età pediatrica.Ma Quale relazione esiste tra il diabete e l’attività fisica ? È possibile fare sport in sicurezza? Quale ruolo può avere lo sport nella prevenzione del diabete e delle sue complicanze? Ai microfoni di LineaSalute ne parliamo con la D.ssa Natalia Visalli, dirigente Medico presso l’Unità Operativa Complessa di Diabetologia e Dietologia dell’Asl Roma 1 e Vicepresidente dell’Associazione Medici Diabetologi del Lazio.
#Sharenting: la condivisione delle immagini dei #figli minorenni sui #socialnetwork. Quali conseguenze può avere questo fenomeno sui #bambini e sui r#agazzi ritratti? Quali interrogativi porsi prima di fare click e mettere in rete questo tipo di contenuto? Ne parliamo con Adelia Lucattini, psichiatra e psicoanalista e Ordinario della Società psicoanalitica italiana, che risponde alle domande del pubblico.
Godere del piacere della tavola delle feste restando in salute è possibile. Anche per le persone con dislipidemie o problemi cardiovascolari. Con piccole accortezze nella scelta del menu e nell'approccio ai piatti della tradizione è possibile accontentare la gola e far felice la bilancia. Scopriamo come e perchè è così importante riuscirci, insieme alla Biologa Nutrizionista Silvia Ambrogio, che risponde alle domande del pubblico di LineaSalute.
È l’antibiotico-resistenza la nuova minaccia per la nostra salute. L'Italia, con circa 11mila morti all’anno, è al secondo posto in Europa per decessi causati da batteri non più debellabili con gli antibiotici. Ma la partita non è ancora persa. Se impariamo a usare correttamente questi farmaci possiamo ancora vincere. Ne parliamo con Fabrizio Pregliasco, Direttore Sanitario dell’IRCCS Ospedale Galeazzi - Sant'Ambrogio di Milano, e autore insieme a Paola Arosio del libro “I Superbatteri” per Raffaello Cortina Editore, che risponde alle domande del pubblico di LineaSalute.
Influenza: quanto ne sappiamo davvero? Riusciamo a riconoscerla? E che è possibile prevenirla con la vaccinazione, gratuita per tante categorie di persone? E che per curarla non occorrono gli antibiotici? Nella seconda puntata di LineaSalute parleremo proprio di questo: conoscere l’influenza per prevenirla ed evitarla. E come curarla nel modo giusto!Ospite: professoressa Roberta Siliquni, Ordinario di Igiene generale e applicata all’Università di Torino e presidente della Società Italiana di Igiene, Medicina preventiva e Sanità pubblica (Siti).
loading
Comments 
loading