DiscoverAudiolibri Condivisi di UGI Onlus"Posso Scriverei versi più tristi" di Pablo Neruda
"Posso Scriverei versi più tristi" di Pablo Neruda

"Posso Scriverei versi più tristi" di Pablo Neruda

Update: 2021-01-21
Share

Description

Annalisa Spinelli legge "Posso Scriverei versi più tristi" di Pablo Neruda




Coordinamento progetto e Produzione: Pierpaolo Bonante




Il progetto di Audiolibri Condivisi prevede la creazione di audiolibri e audiopoesie a cura dei Bambini di UGI Onlus e Radio UGI, un ponte creato in un momento di estrema divisione dovuto alla pandemia mondiale, per cercare di attutire l'isolamento dei pazienti oncologici pediatrici.


Ascolta Radio Ugi su https://share.xdevel.com/player/1589


Segui i progetti su www.ugi-torino.it




Testo Poesia:


Posso scrivere i versi più tristi questa notte.


Scrivere, ad esempio: "La notte è stellata,


e tremolano, azzurri, gli astri, in lontananza ".


Il vento della notte gira nel cielo e canta.


Posso scrivere i versi più tristi questa notte.


lo l'amai, e a volte anche lei mi amò.


Nelle notti come questa la tenni tra le mie braccia.


La baciai tante volte sotto il cielo infinito.


Lei mi amò, a volte anch'io l'amavo.


Come non amare i suoi grandi occhi fissi.


Posso scrivere i versi più tristi questa notte.


Pensare che non l'ho. Dolermi d’averla perduta.


Udire la notte immensa, più immensa senza lei.


E il verso cade sull'anima come sull'erba la rugiada.


Che importa che il mio amore non potesse conservarla.


La notte è stellata e lei non è con me.


E’ tutto. In lontananza qualcuno canta. In lontananza.


La mia anima non si accontenta di averla perduta.


Come per avvicinarla il mio sguardo la cerca.


Il mio cuore la cerca, e lei non è con me.


La stessa notte che fa biancheggiare gli stessi alberi.


Noi, quelli di allora, più non siamo gli stessi.


Più non l'amo, è certo, ma quanto l'amai.


La mia voce cercava il vento per toccare il suo udito.


D'altro. Sarà d'altro. Come prima dei miei baci.


La sua voce, il suo corpo chiaro. I suoi occhi infiniti.


Più non l'amo, è certo, ma forse l'amo.


E’ così breve l'amore, ed è sì lungo l'oblio.


Perché in notti come questa la tenni tra le mie braccia,


la mia anima non si rassegna ad averla perduta.


Benché questo sia l'ultimo dolore che lei mi causa,


e questi siano gli ultimi versi che io le scrivo.

Comments 
loading
00:00
00:00
x

0.5x

0.8x

1.0x

1.25x

1.5x

2.0x

3.0x

Sleep Timer

Off

End of Episode

5 Minutes

10 Minutes

15 Minutes

30 Minutes

45 Minutes

60 Minutes

120 Minutes

"Posso Scriverei versi più tristi" di Pablo Neruda

"Posso Scriverei versi più tristi" di Pablo Neruda

Audiolibri Condivisi di UGI Onlus