DiscoverInterlinea. Scrivere il futuro tra le righe della storiaCalcio e discriminazione. Il caso dell’allenatore ad Auschwitz (colloquio con Giovanni Cerutti)
Calcio e discriminazione. Il caso dell’allenatore ad Auschwitz (colloquio con Giovanni Cerutti)

Calcio e discriminazione. Il caso dell’allenatore ad Auschwitz (colloquio con Giovanni Cerutti)

Update: 2020-06-04
Share

Description

Il calcio è ancora fatto di discriminazioni? La Shoah investì anche lo sport? «Ogni singola storia che emerge dalla vicenda dello sterminio è irredenta e irredimibile. Non ci sono significati umani che la possano riscattare» scrive lo storico e saggista Giovanni Cerutti nel libro "L’allenatore ad Auschwitz" che ricostruisce la storia dello sterminio del popolo ebraico attraverso una vicenda particolare, quella dell’ungherese Árpád Weisz, tra i più grandi allenatori degli anni trenta, colui che introdusse per primo gli schemi nel campionato italiano, fu commissario tecnico dell’Inter (dove scoprì Giuseppe Meazza) ma anche del Novara e del Bologna, fino all’espulsione dall’Italia, in seguito alle leggi razziali, e alla tragica fine nel lager di Auschwitz. Un racconto con riflessioni ancora attuali. Podcast di Roberto Cicala.
Comments 
00:00
00:00
x

0.5x

0.8x

1.0x

1.25x

1.5x

2.0x

3.0x

Sleep Timer

Off

End of Episode

5 Minutes

10 Minutes

15 Minutes

30 Minutes

45 Minutes

60 Minutes

120 Minutes

Calcio e discriminazione. Il caso dell’allenatore ad Auschwitz (colloquio con Giovanni Cerutti)

Calcio e discriminazione. Il caso dell’allenatore ad Auschwitz (colloquio con Giovanni Cerutti)

Interlinea edizioni