DiscoverPositivaMente AVISIl Neet Working Tour, i contribuiti per la mobilità inclusiva e la raccolta fondi di AVIS
Il Neet Working Tour, i contribuiti per la mobilità inclusiva e la raccolta fondi di AVIS

Il Neet Working Tour, i contribuiti per la mobilità inclusiva e la raccolta fondi di AVIS

Update: 2022-04-22
Share

Description

Ha preso il via, da Torino, Neet Working Tour, una campagna informativa itinerante rivolta ai giovani di età compresa tra i 14 e i 35 anni che non studiano, non lavorano e non seguono corsi di formazione. Un coloratissimo camion attraverserà l’Italia da nord a sud, in 11 tappe dove saranno allestiti dei veri e propri villaggi con tantissimi stand dedicati all’orientamento. Il Tour rientra nel “Piano Neet”, un programma strategico espressamente rivolto ai giovani cosiddetti inattivi, promosso dal ministero per le Politiche Giovanili e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Dopo la partenza da Torino, l’11 aprile con la presenza del Ministro Fabiana Dadone, la carovana attraverserà l’Italia toccando tra le altre città anche Brescia (22-23 aprile), Roma (4-5 maggio), Napoli (6-7maggio) e Palermo, come tappa conclusiva, il 22 e 23 maggio.


-----


Arrivano i contributi per incentivare e favorire la mobilità sostenibile nei Comuni italiani. I fondi spetteranno agli 'stalli rosa' adibiti ai veicoli delle donne in gravidanza o di genitori con bambini fino a due anni, oppure per spazi riservati alla sosta dei mezzi per il trasporto delle persone disabili. Come ha dichiarato il Ministro delle infrastrutture Enrico Giovannini, “la mobilità è sostenibile soltanto se inclusiva. Agevolare negli spostamenti le persone più fragili, riducendo al minimo i disagi e venendo incontro alle loro necessità, significa dare un segnale di attenzione concreto per migliorare la loro qualità della vita soprattutto nei centri urbani di maggiori dimensioni, e assicurare il diritto alla mobilità alle persone più vulnerabili”.


-----


Prosegue l’impegno di AVIS a sostegno delle popolazioni più vulnerabili. Dopo aver accolto, nelle scorse settimane, alcuni profughi provenienti dall’Ucraina, nei giorni scorsi sono arrivati in Italia due fratellini afghani affetti da emofilia grave e l’ex direttore del Centro nazionale sangue di Kabul. Grazie alla nostra Associazione e a numerosi partner istituzionali e del Terzo settore, i due fratellini potranno finalmente riprendere le terapie salvavita a base di farmaci plasmaderivati che avevano dovuto sospendere all’indomani della presa del potere da parte dei talebani, nell’agosto scorso. Un progetto dal profondo valore sociale e umanitario, che testimonia l’impegno che da oltre novant’anni AVIS svolge non solo in Italia, ma in tutto il mondo per promuovere i valori della solidarietà, dell’inclusione e dell’accoglienza.

Comments 
loading
In Channel
loading
Download from Google Play
Download from App Store
00:00
00:00
1.0x

0.5x

0.8x

1.0x

1.25x

1.5x

2.0x

3.0x

Sleep Timer

Off

End of Episode

5 Minutes

10 Minutes

15 Minutes

30 Minutes

45 Minutes

60 Minutes

120 Minutes

Il Neet Working Tour, i contribuiti per la mobilità inclusiva e la raccolta fondi di AVIS

Il Neet Working Tour, i contribuiti per la mobilità inclusiva e la raccolta fondi di AVIS

AVIS Nazionale